Il mio ragazzo mi ha lasciato, ma non posso parlarne con nessuno…

Probabilmente pochi ci pensano, ma la segregazione mentale e la depressione che può spingere un ragazzo a gesti estremi, spesso si trova nelle piccole cose che da ragazzini poi hanno definito il nostro modo di offrirci al mondo esterno.

Piccoli amori non ricambiati, la ricerca di una propria identità, capire chi si sia in un mondo che ti impone schemi e personalità che nulla hanno a che fare con la propria.

Ci hanno insegnato, sin da ragazzini, che quando si ha un problema bisogna parlarne e non tenere tutto dentro, perchè ci consumeremmo e potremmo non riuscire a superare gli ostacoli più importanti della nostra vita.

Verissimo, ma quando si tratta di dover trovare qualcuno con cui parlare perchè il proprio ragazzo ci ha lasciati e non siamo in condizione di poter fare coming out, come possiamo risolverlo?

La solitudine di un numero primo

Ai ragazzi e alle ragazze omosessuali è preclusa ogni possibilità di confronto e discussione, è impossibile crescere e confrontarsi.

Un ragazzino etero può parlare, fantasticare, inventare e confrontarsi con i coetanei, riuscendo a superare timidezza, paure e accettare anche consigli.

Agli omosessuali in adolescenza tutto questo è vietato. Dobbiamo cari miei recuperare le generazioni perdute e su questo sarebbe bello che i media potessero sensibilizzare quante più persone possibili

Non dimenticare di iscriverti a RETE GAY

Random Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

WordPress spam blocked by CleanTalk.