La tecnica logopedica che dona la giusta “voce” alle persone transgender

La sicurezza in se stessi nasce spesso da come ci si rapporta e sente in mezzo agli altri. Tanto più la considerazione che sentiamo verso di noi è alta, tanto più ci sentiamo più sicuri dei nostri mezzi e raggiungiamo con maggiore facilità un livello di vita gratificante.

Se la considerate una cosa difficile, pensate quanto possa esserlo per una persona transgender che oltre a dover combattere quotidianamente per sentirsi accettata, si ritrova con una voce che non sente sua.

Abbiamo oggi il gradito onore di intervistare la Dott. Dorella Minelli del Centro Italiano Logopedia, leader in italia per la rieducazione alla voce per Transgender, di cui vi consiglio un’attenta lettura.

Kristina Ferrari
  1. Come è nato il vostro centro?

Sono la Dr.ssa Dorella Minelli e mi definiscono la logopedista che dà “voce”  alle persone transgender. Mi occupo di logopedia da circa 30 anni e sono titolare del Centro Italiano Logopedia che ha sede a Brescia, a Ghedi (BS) e a Verona. Mi avvalgo per la Rieducazione  Voce Transgender di 2 collaboratrici logopediste specializzate nella rieducazione/educazione della voce che sono in grado di elaborare progetti terapeutici personalizzati ed efficaci.

  1. Quali sono gli studi che avete intrapreso?

Io e le mie collaboratrici logopediste oltre alla Laurea in Logopedia abbiamo frequentato corsi specialistici con i massimi esperti del settore come il Dr. Alfonso Borragan, la Dr.ssa Mara Behlau, il Dr Franco Fussi e la Dr.ssa Silvia Magnani.

  1. Per quale motivo si occupa di persone transgender?

Ho deciso di intraprendere questo percorso formativo e lavorativo, perché mi piacciono le sfide. Lavorare con la voce dell’essere umano è in generale un argomento molto complesso, implica non solo conoscere le dinamiche fisiche, ma soprattutto gli aspetti emotivi, perché la voce è l’espressione sonora della propria personalità.

  1. Chi si rivolge al vostro centro?

Abbiamo una percentuale maggiormente più alta di mtf rispettto al ftm. Questo dato rispecchia sia l’epidemiologia nazionale sia il fatto che negli ftm la terapia ormonale genera autonomamente risultati soddisfacenti sulla voce.

Dott. Dorella Minelli
  1. Qual’è il percorso logopedico che un transgender dovrebbe fare per modificare la propria voce?

Generalmente viene fatto un colloquio conoscitivo che ci permette di comprendere in quale fase della transizione è la persona che si rivolge al centro e soprattutto quali sono le sue aspettative “vocali”. A seguire viene svolta una valutazione logopedica per raccogliere tutti i parametri vocali per poi iniziare il trattamento logopedico.

  1. In che cosa consiste un trattamento logopedico per la voce transgender?

La terapia logopedica consiste in un ciclo di  circa 10 sedute effettuate una volta alla settimana, durante le quali il paziente impara degli esercizi mirati e personalizzati che dovranno essere eseguiti con costanza durante la settimana. L’obbiettivo è di acquisire una modalità di voce parlata sana, più naturale possibile e congrua all’identità di genere della persona.

  1. Perchè è importante intraprendere un percorso logopedico?

Un comportamento vocale inadeguato in termini qualitativi e quantitativi porta all’instaurarsi di un circolo vizioso che in medicina è definito “Circolo vizioso dello sforzo vocale” di Le Huche: a un meccanismo fonatorio sforzato (malmenage) e protratto nel tempo (surmenage) consegue un danno organico delle corde vocali (noduli) e un’ipercontrazione dei muscoli deputati alla produzione della voce. La voce apparirà soffiata, rauca e la persona lamenterà male al collo, fastidio alla gola e continua necessità di raschiare. A lungo andare l’abuso vocale porta all’aggravamento della lesione organica per cui si renderà necessario un intervento di microchirurgia laringea.

  1. L’intervento chirurgico può migliorare la voce?

Vi sono diversi tipi di intervento chirurgico che possono essere suddivisi in due gruppi: tecniche che interessano la struttura laringea e tecniche che interessano le corde vocali. In entrambi i casi questi interventi hanno lo scopo di modificare, direttamente ed indirettamente, la tensione, la lunghezza e lo spessore delle corde vocali. Ad oggi, l’intervento di fonochirurgia che ha dato risultati più soddisfacenti è quello di tiroplastica tipo IV.

Non dimenticare di iscriverti a RETE GAY e iniziare a conoscere nuove persone e fare nuove amicizie !!!

  1. Se viene intrapreso un intervento di fonochirurgia è comunque necessario fare la terapia logopedica?

La terapia logopedica integra e completa l’intervento fonochirurgico, eseguito in pazienti mtf,al fine di ottimizzare il risultato finale. La chirurgia rende il tono più acuto agendo sulla morfologia dell’organo vocale, la logopedia si occupa dell’aspetto funzionale, che interessa quelle determinanti caratteristiche qualificanti una voce femminile: le cavità di risonanza, la prosodia e le modalità comunicative. Nello specifico, il percorso riabilitativo si inserisce in fase pre operatoria e post operatoria; in prospettiva dell’intervento chirurgico e della riabilitazione vocale successiva, il logopedista si occupa di informare e rassicurare il paziente sui cambiamenti che subirà la propria voce e di correggere eventuali comportamenti disfunzionali (ad esempio un eccesso di tensione associato alla produzione vocale), ponendo delle basi ottimali per il trattamento post-operatorio. La fase successiva all’intervento agirà direttamente sugli aspetti summenzionati di risonanza, prosodia e modalità comunicative attraverso esercizi specifici.

  1. Che cosa ne pensa dei tutorial?

Esistono tutorial in internet e applicazioni dedicate all’utilizzo della voce dei T, tuttavia noi consigliamo di rivolgersi ad un logopedista specializzato nell’educazione della voce in modo da evitare scorretti approcci d’uso della voce con conseguente insorgenza di patologie organiche.

L’intervento logopedico sulla voce è mirato su quella persona proprio perché la voce è il risultato complesso, unico e appartenente in maniera esclusiva alla persona che ha caratteristiche vocali completamente diverse da un’altra.

Per maggiori informazioni clicca il logo del Centro Italiano Logopedia

 

 

Random Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

WordPress spam blocked by CleanTalk.